Un occhio sulla camminata.

Da un recente articolo sulla rivista D.Repubblica viene riportato che alcuni studi fatti da una Università di Copenhagen affermano che nella camminata definita “blanda” si perde, nel tempo, più peso, rispetto all’attività “intensa” quale la corsa, anche se il consumo calorico è quasi il doppio tra le due discipline a favore della corsa.

Nell’articolo si parla di 30′ di camminata blanda, contro l’ora di corsa nella quale si bruciano circa 450 Kcal, sufficienti al dimagrimento.

Personalmente concordo nel dire che nella camminata si corre meno pericolo a livello di problemi posturali e muscolari rispetto alla corsa, ma non è del tutto esatto.

Per tutti è oramai assodato che l’attività fisica più idonea a bruciare grassi è quella aerobica (come camminare, andare in bicicletta, ecc.) praticata a un’intensità moderata. Si produce anche un lieve aumento del tono muscolare ed inizia l’adattamento cardiovascolare.

Per monitorare l’attività si può utilizzare il Talk Test che prevede di camminare per 5 minuti ad andatura lenta per poi proseguire aumentando la velocità.

Al termine si inizia ad ascoltare il proprio respiro e si esegue il test che prevede di iniziare a parlare o canticchiare, e se riesce a farlo senza nessuna difficoltà, vuol dire che l’intensità è meno che moderata.

Se invece si avranno delle pause, prendendo fiato tra una parola e l’altra e con il fiatone vuol dire che l’intensità è troppo elevata.

E’ un test semplice che non prevede nessun tipo di attrezzatura , con ovviamente molti limiti, ma ci può dare un’indicazione sul livello di intensità moderata che ci serve per consumo di grassi.

Ritornando ai pericoli della camminata bisogna evidenziare che uno scorretto appoggio del piede può derivare da diversi fattori (piedi con le punte in dentro, o all’infuori, piede piatto, equino, ecc) . Ne deriva che il continuo e ripetitivo movimento sbagliato influenza la camminata e porta a inevitabili problemi muscolari e dolori dell’apparato muscolo-scheletrico. Questi problemi vengono accentuati ancora di più se si corre, in quanto la sollecitazione è maggiore a causa della fase di volo tra i due piedi .

Per concludere il mio consiglio prima di iscriversi ad un corso di camminata sportiva , nordic walking ecc , è quello di rivolgersi sempre a degli esperti facendo un’attenta analisi del passo , per valutare eventuali problemi posturali che potrebbero portare nel tempo a dolori sopra descritti.

E diffidate da chi prende attestati facili ed in poco tempo…!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...